La Cucina di Rio

Piatti locali e ingredienti di qualità 

La cucina di Rio a Riofreddo è un ambiente familiare, in un comune di soli di 781 abitanti. Un piccolo e autentico borgo, dove la signora Lidia, che scherzosamente si definisce la “Cheffa”, offre in un locale caratteristico, tra vecchie cisterne e muri arricchiti da oggetti d’antiquariato e prosciutti appesi un viaggio nel gusto da non dimenticare. La Cucina di Rio, a Riofreddo, accoglie i suoi ospiti in un ambiente che è retaggio dell’epoca romana. La storia, infatti, insegna che il comune fu costruito attorno ad una fortezza romana.
Si respira dunque, passato ma soprattutto cordialità e genuinità. La “Cheffa” con i suoi collaboratori prepara con cura tutti piatti e accoglie con passione e allegria.
Anni di esperienza culinaria trasformata in un’attività di promozione dei sapori e dei gusti del Lazio per famiglie e buone forchette.
Recensito su TripAdvisor dai clienti soddisfatti per la qualità, il basso costo ma soprattutto per l’amore che si respira, la cucina di Rio a Riofreddo, è una taverna che si frequenta per curiosità la prima volta e per sicurezza di un gusto genuino le volte successive. 


La signora Lidia cucina le sue pietanze considerando i prodotti locali a disposizione, perché le materie prime sono autoprodotte. Un menù che include verdure e frutta di stagione e nasce dalla creatività ogni giorno nuova della “Cheffa”. Un menù che non bada a spese, poiché lo scopo è quello di far scoprire ai turisti o riscoprire agli abitanti del luogo i sapori tipici laziali. Tutto ciò che è stato cucinato, infatti, è servito ai tavoli tra un sorriso e l’altro. Con soli 20-25 euro la Cucina di Rio a Riofreddo offre, partendo da antipasti misti, una carrellata di prelibatezze tipiche. Due primi di pasta fatta a mano, che riportano indietro nel
tempo, quando si era bambini e ci si divertiva a fare la pasta con le nonne. Carne di maiale come secondo piatto, accompagnata da contorni di verdure di stagione. La signora Lidia non vuole far mancare proprio nulla ai suoi ospiti, dopo le portate principali, offre frutta, caffè e amaro fatto in casa.
Converrà sgranchirsi le gambe nella parte antistante alla taverna, allestita con panchine colorate e piante di spezie o arricchirsi di culture e tradizioni chiacchierando con la Cheffa Lidia prima di concludere il pranzo o brunch domenicale con il digestivo fatto in casa. Un modo per sentirsi in famiglia anche fuori dalla propria città, un piacere per il palato e un ritorno alla semplicità che le grandi catene di ristorazione non possono offrire.
Per informazioni o per verificare la disponibilità è possibile contattare il ristorante via telefono, email, visitando la pagina FB.